Dettaglio Gara
  • Affidamento dell’incarico della progettazione antincendio finalizzato all’adeguamento alle norme di prevenzione incendi fino al conseguimento di tutte le attestazioni previste dalla normativa vigente degli immobili universitari sprovvisti di C.P.I.

    Data Pubblicazione: 2016-12-02 00:00:00
    Data Scadenza: 2017-01-31 10:00:00
    Data prima seduta pubblica: 2017-02-02 10:00:00
    Importo (iva esclusa): € 224.416

Informazioni di dettaglio gare

DGUE - Il modello di formulario per la compilazione del documento di gara unico europeo sarà fornito sul sito, nella sezione allegati, quando saranno resi noti gli estremi della pubblicazione del bando di gara sulla GUUE.
DGUE - Pubblicato il file editabile.
avviso chiarimento - Si comunica che nella sezione allegati è disponibile un avviso di chiarimento
AVVISO SLITTAMENTO TERMINI - Nella sezione allegati è stato pubblicato l'avviso di slittamento dei termini
Rettifica e Integrazione - Si comunica che nella sezione allegati è stata pubblicata la rettifica e Integrazione.
Avviso pubblicazione Guri - Si rende noto che la rettifica al disciplinare di gara con slittamento dei termini sarà pubblicata sulla Guri n. 12 del 30.1.17.
Avviso sopralluoghi - E' stata pubblicata nella sezione allegati una comunicazione relativa ai sopralluoghi in seguito alla richiesta dell'OICE.
Descrizione Documento
Bando di Gara 20161201101758Bando_di_gara.pdf
Disciplinare di gara 20161201101819disciplinare_di_gara.pdf
Relazione descrittiva 20161201101839RELAZIONE.pdf
Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale 20161201101945capitolato_prestazionale.pdf
Relazione calcolo onorari 20161201102025Relazione_oneri__valutazione_progetto_ai_fini_CPI.pdf
Modulistica sopralluogo 20161201102058modulistica_sop.doc
Modulistica istanza di partecipazione 20161201102133Modulo_A_1.doc
Modulistica dichiarazione sostitutiva 20161201102800Modulo_A_2_dichiarazione_sostitutiva.doc
Modulistica A.2.1 20161201102918Modulo_A_2_idoneit_morale.doc
Modulistica soggetti cessati 20161201103016Modulo_A_2_2_idoneit_morale_sog_cessati.doc
Modulistica requisiti partecipazione 20161201103045Modulo_A_3.doc
Modulistica certificato CCIAA 20161201103144Modulo_A_3_1_CCIAA.doc
Modulistica Legalità Carlo Alberto Dalla Chiesa 20161201103555Modello_A_5_Protocollo_di_Legalit_.doc
Modulistica pantouflage 20161201103637Dichiarazione_Pantouflage_A6.doc
Modulistica comportamento DPR 62/13 20161201103731Dichiarazione_Codice_di_Comportamento_A7.doc
Modulistica offerta economica 20161201103833Offerta_economica_C1.doc
Modulistica offerta tempo 20161201103852Offerta_tempo_C2.doc
Documento Gara Unico Europeo 20161203102503File_editabile_schema_di_formulario_DGUE_All_A4.doc
avviso chiarimento 20170113104026avviso.pdf
Avviso slittamento termini 20170117124846avviso_slittamento_termini.pdf
Rettifica e Integrazione 20170123161825Avviso_rettifica_e_integrazione.pdf
Avviso sopralluoghi 20170215112109oice.pdf
  • D:
    Si chiede di confermare che, così come prevsito dalla normativa vigente, il requisito relativo ai servizi svolti nella categoria E.20 possa essere soddisfatto con servizi svolti nelle categorie E.10 ed E.04, entrambe con grado di complessità superiore. 
    R:

    In merito alla richiesta, si chiarisce che il requisito della classe E20 (grado di complessità 0,95),

    può essere verificato all’interno della stessa categoria d’opera con classi e categorie di gradi di complessità uguali (0,95)

    e/o superiori di cui al D.M. del 17.6.16. Sono ammesse, pertanto, le citate categorie E04, ed E10.

  • D:
    Essendo io perito edile in possesso dei requisiti di cui alla L.818/84 e seguenti, posso partecipare alla citata gara in ATP con Ingegneri o Architetti così come richiesto dal bando?
    R:

    Si chiarisce che i soggetti ammessi alla gara devono possedere i requisiti minimi previsti dall’art. 4 del disciplinare di gara; in particolare al punto 6) è specificato che i concorrenti devono risultare iscritti nei rispettivi Albi professionali (ingegneri e Architetti).

  • D:
    In caso di a.t.i. costituenda il sopralluogo può essere effettuato da uno degli operatori facenti parte del raggruppamento munito di delega  da parte di tutti i futuri raggruppati?
    R:

    Si rimanda all’art. 8 - Sopralluogo del disciplinare di gara ed in particolare al capoverso sottoriportato:
    “In caso di A.T.I. costituende il sopralluogo dovrà essere effettuato da ogni singolo operatore facente parte del raggruppamento”.

  • D:
    Nel caso di concorrente nella forma di costituendo R.T. di operatori economici, il sopralluogo può essere eseguito da uno degli stessi, delegato dal R.T. e in possesso del requisito di cui all'art. 4.7 del disciplinare di gara?
    
    Non si comprende, invero, la previsione dell'art. 8 del disciplianre di gara secondo la quale tutti gli o.e. di un costituendo R.T. debbano presenziare allo stesso sopralluogo.
    
    R:

    Le previsioni di cui all’art. VIII del disciplinare di gara: “In caso di A.T.I. costituende il sopralluogo dovrà essere effettuato da ogni singolo operatore facente parte del raggruppamento” sono state formulate nell’esclusivo interesse dell’operatore economico, che potrà modificare fino alla scadenza fissata dal bando la composizione della propria associazione temporanea.

  • D:
    Si chiede di sapere se le piante e le planimetrie degli edifici ed altri grafici (sezione, prospetti) saranno forniti all'aggiudicatario su suupporto informatico o cartaceo ed, eventualmente di quali edifici saranno informatici o cartacei.
    Considerato che la verifica documentale verso i  VV.FF. potrebbe comportare anche oltre 1 o 2 mesi per ottenre gli atti di tutti gli edifici si chiede di sapere se tali tempi, in attesa di riscontro dei VV.FF. devono rientrare nei 90 gg, o viceversa possono essere esclusi dal tempo utile in argomento.
    Alla stessa stregua del pun to precedente, si chiede di sapere se il recepimento di eventuali richieste di aggiornamenti e/o correzioni da parte dei VV.FF., sul progetto di istanza, rientra o meno nei termini utili di 90 gg a base di gara.
    R:

    In merito al punto 1- si chiarisce che gli elaborati grafici verranno forniti su supporto informatico, l’aggiudicatario avrà comunque l’obbligo di verificare, mediante rilievo metrico, la rispondenza delle planimetrie fornite e, nel caso di mancata rispondenza, aggiornare le stesse (art. 1.2.3 capitolato prestazione).

    In ordine ai punti 2 - e 3 – si precisa che l'attività demandata al professionista è suddivisa in due fasi, la prima (descritta all'art. 1.2 pag. 4 del capitolato prestazionale) della durata di 90gg, durante la quale è richiesto al professionista di farsi carico di reperire la documentazione presso il comando dei VV.FF., elaborare la progettazione di prevenzione incendi e presentare il progetto al comando; una seconda fase è invece costituita dalla progettazione preliminare necessaria per l'adeguamento degli immobili (descritta all'art. 1.3 pag.6 del capitolato), fase questa successiva all'ottenimento del parere di competenza.
    Resta inteso che il tempo in cui il progetto è fermo dai VV.FF. per l'analisi della pratica è escluso dalla tempistica; ma se il progetto dovesse subire delle prescrizioni e, quindi, non dovesse essere stato svolto a regola d'arte, la tempistica per eventuali correzioni ricade unicamente sul progettista, poiché l'Amministrazione non può farsi carico di eventuali errori progettuali che portano alla mancata approvazione del progetto stesso.

  • D:
    Si richiedono chiarimenti in merito al successivo periodo
    Nel caso di raggruppamenti i requisiti di cui ai precedenti punti 8,9 e 12 devono essere posseduti cumulativamente e precisamente nella seguente misura: non inferiore al 40% dal capogruppo ed il resto cumulativamente dai mandanti, ciò al fine di favorire la formazione di rggruppamenti di operatori economici in possesso di requisiti quanto più omogenei possibile e di scoraggiare l’eccessiva frammentazione della commessa. La mandataria in ogni caso possiede i requisiti necessari per la partecipazione alla gara in misura percentuale superiore rispetto a ciascuno dei mandanti e, ove sia in possesso di requisti i superiori alla percentuale stabilità dal bando (40%), partecipa alla gara per una percentuale di requisiti pari al limite massimo stabilito.
    Quesiti:
    1) la mandataria partecipa sempre col 40%?
    2) non è possibile avere raggruppamenti costituiti da 2 professionisti (si avrebbe 40% + 60%) ?
    
    R:

    L’ART. 4 ultimo paragrafo a pag. 5 del disciplinare di gara deve leggersi:
    “Nel caso di raggruppamenti i requisiti di cui ai precedenti punti 8, 9 e 12 devono essere posseduti cumulativamente e precisamente nella seguente misura: non inferiore al 40% dal capogruppo ed il resto cumulativamente dai mandanti, ciò al fine di favorire la formazione di raggruppamenti di operatori economici in possesso di requisiti quanto più omogenei possibile e di scoraggiare l’eccessiva frammentazione della commessa. La mandataria in ogni caso possiede i requisiti necessari per la partecipazione alla gara in misura percentuale superiore rispetto a ciascuno dei mandanti e, ove sia in possesso di requisiti superiori alla percentuale stabilita dal bando (60%), partecipa alla gara per una percentuale di requisiti pari al limite massimo stabilito. Il requisito non frazionabile di cui al precedente punto 10 può essere dimostrato dal capogruppo ovvero da uno dei mandanti. Il requisito di cui al precedente punto 7 (Elenchi Ministero Interno) deve essere posseduto dal Capogruppo.”
    Il valore riportato nel disciplinare quale limite massimo stabilito è, pertanto, da intendersi un refuso di stampa.

  • D:
    Con riferimento al bando in oggetto e precisamente all'Art. 1 del disciplinare di gara si chiede
    cortesemente di pubblicare la tabella di calcolo utilizzata per la definizione delle prestazioni di seguito
    riportate:
    ART.l - IMPORTO
    Totale € 224.475,79 + lV A e CNPAIA così distinto:
    lmporto A netto relativo alla progettazione ai finí della valutazione della conformità antincendio:
    € 150.785,35;
    lmporta B netto relativo olla progettazione preliminare per i lavori di adeguamento alla normativa antincendio:
    € 73.630,44.
    
    R:

    Si rimanda in merito alla “Relazione sul calcolo degli onorari” pubblicata, unitamente agli altri elaborati progettuali, sul sito www.unime.it alla sezione allegati del relativo procedimento di gara.

  • D:
    Si chiede di sapere se il servizio di progettazione relativo alla “realizzazione di impianti fotovoltaici su serre”, già certificato in III c possa essere ricompreso nella attuale categoria IA.04.
    R:

    La classificazione delle prestazioni professionali relative ai servizi di cui al D.M. 17.06.2016 è stabilita nella tavola Z-1 allegata, tenendo conto della categoria d'opera e del grado di complessità. La categoria IA.04 identifica “impianti in genere, impianti di illuminazione, telefonici, di sicurezza, di rilevazione incendi, fotovoltaici, a corredo di edifici e costruzioni complessi – cablaggi strutturali – impianti in fibra ottica – singole apparecchiature per laboratori e impianti pilota di tipo complesso”. Non si ritiene pertanto che la realizzazione di impianti fotovoltaici su serre possa essere ricompreso in tale categoria.

  • D:
    Si richiede conferma che l'iscrizione all'elenco  ex 818/84 sia imputabile nel complesso all'operatore economico, quindi soddisfatat anche con la presenza di un solo soggetto iscritto all'e4lenco all'interno dell'operatore economico e non necessariamente imputabile a tutti i soggetti dell'operatore o del raggruppamento
    
    R:

    Si richiama in merito l’ultimo capoverso dell’art. 4, pag. 5, del disciplinare di gara, che in relazione alla ripartizione dei requisiti di ordine speciale all’interno dei raggruppamenti prescrive:
    “Il requisito di cui al precedente punto 7 (Elenchi Ministero Interno) deve essere posseduto dal Capogruppo.”

  • D:

    Visto il disciplinare di gara inerente i lavori di adeguamento alle norme di Prevenzione Incendi in oggetto (art. 8 - Sopralluogo), con la presente si chiede di precisare se la richiesta di sopralluogo deve essere effettuata da ogni singolo componente il raggruppamento, ovvero può essere avanzata da uno solo dei componenti (ad esempio la mandataria) in nome e per conto dell'intero costituendo raggruppamento, indicando la composizione dello stesso anche se non costituito. Posto che dal citato articolo 8, si evince che ogni singolo componente del raggruppamento è tenuto al sopralluogo, si chiede, altresì, di sapere se questo può essere effettuato da delegati dell'operatore stesso e se può essere delegata la stessa persona da più operatori appartenenti al medesimo raggruppamento, anche se non costituito.

    R:

    Si rimanda in merito all’art. 8 del disciplinare di gara ed in particolare ai punti:
    “Si precisa che il sopralluogo potrà essere effettuato dal rappresentante legale o da soggetto diverso munito di delega, purché dipendente dell’operatore economico concorrente.
    OMISSIS
    In caso di A.T.I. costituende il sopralluogo dovrà essere effettuato da ogni singolo operatore facente parte del raggruppamento”.

  • D:
    Con la stessa logica, prevista dal D.M. 17.06.16 con la quale è ammessa ogni Classe inclusa nella Categoria “Edilizia” con grado di complessità pari o superiore a 0,95 (classe E.20), si chiede se sia possibile considerare, nella valutazione del requisito relativo ai servizi svolti, ogni Classe inclusa nella Categoria “Impianti” con grado di complessità pari o superiore a 0,75 (Classe IA.01) ed in particolare le Classi IA.02, IA.03, IB.07.
    R:

    In merito alla richiesta si chiarisce che il requisito della classe IA.01 (grado di complessità 0,75),
    può essere verificato all’interno della stessa categoria d’opera con classi e categorie di gradi di complessità uguali (0,75) e/o superiori di cui al D.M. del 17.6.16. Sono ammesse, pertanto, le citate categorie IA.02, IA.03, IB.07.

  • D:
    Il requisito minimo di cui al punto 10) dell’Art. 4 del Disciplinare di gara prevede tre importi per le tre classi richieste. Si chiede, nel caso di RTP, se gli interi importi dei lavori (€ 2.400.000 E.20, € 800.000 IA.01 e € 800.000 IA.04) debbano essere dimostrati da un solo partecipante al Raggruppamento o anche da due o tre partecipanti.
    R:

    Il requisito di cui al punto 10) dell’art. 4 del disciplinare non è frazionabile e può essere dimostrato indifferentemente dal capogruppo ovvero da uno dei mandanti.

  • D:
    1)	nel caso di raggruppamento tra una società di ingegneria capogruppo ed un libero professionista mandante, la società di ingegneria deve avere sempre un organico minimo pari ad 8 unità anziché 60% di 8? (con evidente esclusione, in ogni caso, di tutte le società di ingegneria con meno di 8 unità)
    2)	il libero professionista mandante deve avere un organico minimo pari a 3 o 4 unità?
    
    
    R:

    Si chiarisce che nel caso di raggruppamenti i requisiti devono essere posseduti cumulativamente e precisamente in misura non inferiore al 40% e non superiore al 60% dal capogruppo ed il resto cumulativamente dai mandanti.

  • D:
    con riferimento alla gara in oggetto, si pongono i seguenti questi:
    
    1.un dipendente con contratto di part time orizzontale di 5 giorni alla settimana con 28 ore lavorative alla settimana, viene considerato una unità?
    2.un dipendente con contratto di part time orizzontale di 5 giorni alla settimana con 20 ore lavorative alla settimana, viene considerato una unità?
    3. un dipendente con contratto di part time verticale di 3 giorni alla settimana viene considerato una unità?
    
    R:

    In merito si rileva che i quesiti posti non afferiscono alle competenze di questa stazione appaltante, che ha esplicitato al citato punto 11 del disciplinare di gara quali figure possano considerarsi appartenenti al personale tecnico di cui ai requisiti di ordine speciale richiesti.
    In ordine alla tipologia di dipendenti sulla base del contratto applicato, codesto operatore dovrà rivolgersi alle competenti strutture, al fine di procedere alla dichiarazione dei requisiti posseduti.

  • D:
    Si chiede l’ammissibilità di un RTP misto con sub-raggruppamento orizzontale per la categoria prevalente E.20 suddiviso come da indicazioni del Disciplinare in 60% (capogruppo) - 40% (unica mandante) e IA.01 e IA.04 possedute al 100% dalla capogruppo.
    R:

    La procedura non prevede una prestazione principale o prevalente tra le due previste (progettazione antincendio e progettazione preliminare), motivo per cui, non essendo prevista la possibilità di partecipazione di eventuali raggruppamenti verticali, tutti i requisiti previsti dal bando devono essere posseduti dall’Operatore Economico concorrente, il quale, qualora possedesse identità plurisoggettiva, dovrà necessariamente costituirsi in associazione temporanea di tipo orizzontale.

  • D:
    Si chiede di confermare che sia possibile produrre la relazione caratteristiche metodologiche offerta in 20 A3 considerati analoghi a 40 A4.
    R:

    E’ ammissibile l'analogia tra 20 pagine formato A3 e 40 pagine formato A4.

  • D:
    I documenti a base di gara indicano a carico dell’affidatario la redazione del progetto preliminare degli interventi di adeguamento antincendio “nel caso in cui le indicazioni contenute nel parere positivo di conformità antincendio prevedano lo svolgimento di specifici lavori di adeguamento”. Di seguito si elencano i contenuti indicativi del prog preliminare tra cui indagini e relazioni tecniche anche geologiche. Ciò significa che è necessaria la presenza del geologo in RTP (essendo prestazione non subappaltabile), così come tutti i professionisti abilitati alla redazione delle prestazioni specialistiche del progetto preliminare? 
    Se sì, si chiede che il geologo possa dimostrare solo, ai fini dei requisiti, il possesso di fatturato e numero personale tecnico e non i requisiti di cui all’art.4 (e quindi sia escluso dalla clausola: mandanti minimo 40%).
    
    R:

    Non è richiesta la presenza del geologo.
    Si precisa che qualora fossero necessarie indagini e relazioni tecniche geologiche sarà cura dell'Amministrazione provvedere a tale adempimento.

  • D:
    Con riferimento al requisito di cui all'art. 4 punto 12) del disciplinare, si chiede di chiarire quanto segue:
    1) se l'arco temporale da prendere in considerazione i fini del calcolo delle unità sia quello degli ultimi tre anni oppure sia l'organico corrente, atteso che non si rinviene indicazione in merito nel disciplinare.
    R:

    si chiarisce che le unità minime di tecnici pari a 8 dovranno essere stati utilizzati nel triennio 2013-2015, così come indicato al punto 11) dell’art. 4 del disciplinare.

  • D:
    in caso di un Consorzio Stabile come unico soggetto partecipante, lo stesso può delegare per il sopralluogo un soggetto esterno al Consorzio?
    R:

    Si richiama in merito l’art. 8 del disciplinare di gara:
    “Si precisa che il sopralluogo potrà essere effettuato dal rappresentante legale o da soggetto diverso munito di delega, purché dipendente dell’operatore economico concorrente.

    In caso di consorzio di cooperative, consorzio stabile, il sopralluogo deve essere effettuato a cura del consorzio oppure dell’operatore economico consorziato indicato come esecutore del servizio, purché munito di delega”.

  • D:
    In relazione ai requisiti che il capogruppo mandatario di una ATP deve possedere di cui all'art. 4 del disciplinare di gara, si chiede se detto mandatario può avvalersdi dell'istituto dell'avvalimento anche per il ricoprimento del requisito minimo di personale che egli deve possedere. 
    R:

    I divieti all’istituto dell’avvalimento sono espressamente riportati all’ultimo periodo dell’art. 5 del disciplinare di gara: “Non può essere oggetto di avvalimento l’iscrizione agli Albi professionali di categoria, né l’iscrizione agli Elenchi del Ministero dell’Interno”.
    Pertanto il requisito di cui ai punti 11/12 dell’art. 4 del disciplinare di gara può essere oggetto di avvalimento.

  • D:
    In caso di raggruppamenti, posto che la mandataria debba possedere i requisiti in misura non inferiore al 40% e non superiore al limite massimo stabilito del 60%, come da Voi specificato nella seguente risposta che riportiamo:
    
    R: L’ART. 4 ultimo paragrafo a pag. 5 del disciplinare di gara deve leggersi:
    “Nel caso di raggruppamenti i requisiti di cui ai precedenti punti 8, 9 e 12 devono essere posseduti cumulativamente e precisamente nella seguente misura: non inferiore al 40% dal capogruppo ed il resto cumulativamente dai mandanti, ciò al fine di favorire la formazione di raggruppamenti di operatori economici in possesso di requisiti quanto più omogenei possibile e di scoraggiare l’eccessiva frammentazione della commessa. La mandataria in ogni caso possiede i requisiti necessari per la partecipazione alla gara in misura percentuale superiore rispetto a ciascuno dei mandanti e, ove sia in possesso di requisiti superiori alla percentuale stabilita dal bando (60%), partecipa alla gara per una percentuale di requisiti pari al limite massimo stabilito. Il requisito non frazionabile di cui al precedente punto 10 può essere dimostrato dal capogruppo ovvero da uno dei mandanti. Il requisito di cui al precedente punto 7 (Elenchi Ministero Interno) deve essere posseduto dal Capogruppo.”
    Il valore riportato nel disciplinare quale limite massimo stabilito è, pertanto, da intendersi un refuso di stampa.
    
    Si chiede se può essere ritenuta valida la seguente composizione, intesa come caso estremo:
    
    MANDATARIA:  60%
    
    MANDANTE 1:  40%
    
    MANDANTE 2:    0%
    
                            100%
    R:

    In merito si richiamano le Linee Guida Anac n. 1, che al punto 2.2.3.1.:
    “… Il bando di gara, la lettera di invito o l’avviso di gara possono prevedere, con opportuna motivazione, ai fini del computo complessivo dei requisiti del raggruppamento, che la mandataria debba possedere una percentuale minima degli stessi requisiti; la restante percentuale deve essere posseduta cumulativamente dal o dai mandanti, ai quali non possono essere richieste percentuali minime di possesso dei requisiti. La mandataria in ogni caso possiede i requisiti necessari per la partecipazione alla gara in misura percentuale superiore rispetto a ciascuna dei mandanti. La mandataria, ove sia in possesso di requisiti superiori alla percentuale prevista dal bando di gara, dalla lettera di invito o dall’avviso di gara, partecipa alla gara per una percentuale di requisiti pari al limite massimo stabilito”.

    Pertanto, come richiesto dal bando di gara, la mandataria dovrà possedere almeno il 40% e sino ad un massimo del 60% dei requisiti, le mandanti dovranno possedere la restante parte fino alla concorrenza del 100% dei requisiti nelle percentuali ritenute più opportune dalle parti.

Identificativo Gara: 14826

  • Identificativo Lotto: 15179
    CIG: 653112787E
    Importo aggiudicazione: € 0
    Importo liquidato: € 0
    Oggetto: Affidamento dell’incarico della progettazione antincendio finalizzato all’adeguamento alle norme di prevenzione incendi fino al conseguimento di tutte le attestazioni previste dalla normativa vigente degli immobili universitari sprovvisti di C.P.I.
    Data inizio:
    Data fine:
    Modalità: 01-PROCEDURA APERTA
    Ragione sociale: